DAL 27 AL 30 DICEMBRE

PEERGYNTrip

STEFANO SABELLI

tratto da Herik Ibsen

adattamento e regia Stefano Sabelli

con

Eva Sabelli Gianantonio Martinoni Bianca Mastromonaco Matteo Palazzo Fabrizio Russo

musicisti in scena Piermarino Spina Antonio Scioli

scene Francesco Fassone

costumi Martina Eschini

luci Daniele Passeri

fonico Gianmaria Spina

Nel 1867, durante un viaggio in Italia – fra Roma, Ischia e Sorrento – Henrik Ibsen, autore attento ai mutamenti sociali e di costume e alle contraddizioni della borghesia ottocentesca, crea Peer Gynt, la sua opera più fantastica e onirica. Per casuale coincidenza, lo stesso anno, Karl Marx, padre del materialismo storico, da in stampa Il Ca- pitale, l’opera che forse più d’ogni altra può aver influenzato l’Ibsen autore di drammi sociali.

 

Peer Gynt è una favola affascinante, dall’andamento picaresco, con mutamenti improvvisi, adatti anche a un fantasy cinematografico.

 

Un dramma in versi, distante e diverso dalla produzione più naturalista del padre della drammaturgia mo- derna, per il quale Grieg ha scritto musiche note e popolari, oggi forse più della stessa opera teatrale.

PEERGYNTRIP